Aprire il terzo occhio con la visualizzazione

Il terzo occhio bloccato, blocca anche le tue capacità decisionali e ti impedisce di seguire il tuo cammino, hai la sensazione di non sapere in che direzione andare, che scelte fare. La tua esistenza è fuori controllo, ti senti una barca in mezzo alla tempesta, dimentichi i tuoi sogni, non fai progetti per il futuro e resti in balia degli eventi. Drammatiche sono le conseguenze nella tua sfera emotiva: insicurezza, paure, fobie, egismo, ansia e impazienza, la sensazione di non valere nulla, ma ambire al potere senza riuscirci.

Aprire il terzo occhio reca in sè il potere della chiaroveggenza, la capacità di arrivare alla comprensione non più attraverso la logica, ma grazie all’intuizione.

Un terzo occhio totalmente aperto mostra tutto ciò che normalmente è impossibile vedere e acquisire una consapevolezza superiore.

Aprire il terzo occhio, può aumentare la tua memoria, le tue capacità intellettuali e la tua volontà, può darti la spinta perchè l’energia prodotta dai tuoi desideri si materializzi e si concretizzi diventando reale.

terzo occhio

Come aprire il terzo occhio

Il primo passo da fare è circondarsi del colore legato ad ajna chakra, che è l’indaco. Portare della biancheria di questo colore, utilizzare pietre come ametista, fluorite, zaffiro blu, opale, tormalina blu, sodalite direttamente a contatto con la pelle, utilizzare delle lenzuola indaco e profumo di lavanda.

La meditazione resta comunque il mezzo più efficace per rientrare in contatto con il chakra ajna e se praticata quotidianamente anche per pochi minuti ogni giorno può dare risultati inaspettati.

La meditazione sul colore giallo per visualizzare l’indaco

Con questa meditazione otterrai un duplice risultato: riuscirai a superare le difficoltà della visualizzazione e al tempo stesso avrai fatto il primo passo per aprire il terzo occhio.

Perchè il cerchio giallo anzichè violetto? Perchè dopo aver guardato per qualche istante il cerchio giallo e aver spostato lo sguardo su una parete bianca, questo diventerà viola, il colore di Ajna chakra.

Avrai bisogno di ingrandire l’immagine del cerchio giallo che vedi in basso cliccandoci sopra, perchè sarà su quella che dovrai porre la tua attenzione.

Se vuoi puoi anche salvarla e stamparla, per poterla utilizzare anche se non sei davanti al monitor.

 

Siedi in una posizione comoda, se possibile nella posizione del loto o a gambe incrociate. Tieni dritta la schiena senza irrigidirla e la testa proiettata verso l’alto, con il mento leggermente ritratto in dentro per allungare la zona della nuca. Posa le mani sulle gambe con i palmi rivolti verso l’alto.

Guarda il cerchio giallo di fronte a te per circa trenta secondi, un minuto le prime volte, sbattendo le palpebre se gli occhi si stancano. Concentrati sul centro, non fare altro…. Poi sposta gli occhi su una parete bianca e guarda davanti a te. Vedrai proiettarsi sulla parete il cerchio che però sarà diventato viola. Continua a guardare il cerchio sulla parete fino a quando svanisce. A questo punto chiudi gli occhi e guarda l’immagine del cerchio che ancora si forma dietro le palpebre chiuse. Mantieni lo sguardo su di essa, fin quando non sparisce.

Respirazione sul chakra Ajna – Il respiro tra le sopracciglia

Siedi a gambe incrociate o nella posizione del loto. Aspetta che il respiro si faccia calmo e regolare. Chiudi gli occhi. Attraverso gli occhi chiusi porta lo sguardo verso il centro della fronte, nella zona tra le sopracciglia (bindhu) la dimora di Ajna chakra

Inspira dirigendo il respiro attraverso le sopracciglia, riempiendo di energia viola questa zona, nutrendola e fortificandola, espira sentendo le impurità e i pensieri negativi che si allontanano. Continua per circa dieci respiri, ma sentiti libero di continuare oltre se ne hai la necessità.

Il mantra del terzo occhio

Recitare il mantra “ha” porta alla concentrazione immediata, la sua vibrazione oltre ad avviare ha un effetto di apertura molto intenso e dona immediato sollievo dall’ansia e dal mal di testa

Siedi comodamente con la schiena dritta e porta l’attenzione al centro tra le sopracciglia. Inspira profondamente e durante l’espirazione pronuncia la sillaba “ha” con l’acca aspirata, allungandola per tutta la durata dell’espirazione.  Inspira nuovamente e nell’espirazione pronuncia la sillaba “ksa” allungandola per tutta l’espirazione.

Esercizi per riequilibrare i chakra

Sbloccare Muladhara

Svadhisthana chakra

Ottavo chakra

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.