Una buona postura per imparare l’inglese

Tutti ormai sappiamo come una buona postura sia fondamentale, perché il corpo possa muoversi liberamente nello spazio con sicurezza e senza esitazioni. Una buona postura influenza la nostra gestualità, quindi il linguaggio del corpo che è la parte di noi che viene percepita ancor più delle parole. Quante volte veniamo fraintesi proprio a causa dell’incongruenza tra quello che le nostre parole dicono e quello che invece stiamo dicendo con il corpo?
La postura influenza anche il nostro modo di respirare, di reagire alle situazioni. Un addome contratto ci porta insicurezza, le spalle cadenti ci fanno sentire ancora più stanchi di come in realtà siamo. Una schiena dritta, l’addome rilassato, gambe ben salde per terra e la testa proiettata verso l’alto ci spingono ad aprirci verso nuovi orizzonti e a riprogrammare la mente, sperimentando un modo diverso di vivere.
E’ forse per questa ragione che molti studiosi avanzano l’idea che un assetto corretto del corpo sia fondamentale anche nell’apprendimento di una lingua straniera.


Ho avuto modo di raccogliere delle testimonianze di ragazzi iscritti a corsi di inglese, che pur essendo preparati alla perfezione nelle regole grammaticali, la conoscenza dei verbi e nonostante avessero appreso una discreta quantità di vocaboli, al momento di parlare e interagire con un interlocutore, si bloccavano. Ansia, paura di sbagliare, timore di non essere all’altezza e di non presentare un inglese fluente li portavano a desistere dal desiderio di comunicare,
Marco racconta: Vorrei tanto riuscire a parlare in inglese, so che sarebbe molto utile nel mio lavoro ed espanderebbe i miei orizzonti, ma purtroppo sono anni che studio e mi preparo, leggo testi in lingua inglese, ascolto brani in inglese, leggo quotidiani e fonti di qualunque genere, scrivo in inglese in maniera corretta e conosco piuttosto bene tutte le regole grammaticali. Ogni volta che cerco di parlare con qualcuno in inglese, smetto di respirare, mi si chiude la mente, non ricordo neanche più quello che volevo dire.
Come Marco ce ne sono tanti, la chiave di tutto sta nella frase “smetto di respirare”.
Mantenendo una postura corretta, la respirazione diventa fluida e regolare, così come il pensiero e quindi il tuo inglese diventa fluente!
Con la schiena dritta, un atteggiamento positivo e una respirazione tranquilla, tutto è più facile! Se a questo si aggiunge un bel sorriso, l’ansia e la paura di non essere all’altezza svaniscono nel nulla e presto parlare una lingua straniera non sarà più così difficile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.